AFRORMOSIA

afrormosia> NOMI BOTANICI
Afrormosia elata Harms.
Appartiene alla famiglia delle Leguminosae-Papilionatae

> NOMI COMMERCIALI
Afrormosia – Italia
Kokrodua, Afrormosia – Inghilterra
Assamela – Francia

> NOMI ALL’ORIGINE
Ayin, Egbi, Ehuta – Nigeria
Bohalala, Ole, Wahala – Congo

> AREALE DI CRESCITA
L’albero cresce nell’area che si estende dalle coste della Guinea, tra Congo e Costa d’Avorio fino al Ghana.

> CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE
L’alburno si presenta stretto, biancastro, con forte tendenza all’ingiallimento. Il durame invece è caratterizzato da un color giallo-bruno con venature più scure. La tessitura abbastanza fine e la fibratura quasi re­golare conferiscono a questo legno un piacevole aspetto. L’Afrormosia viene considerata come un legno decorativo, infatti spesso è stata impiegata per mobili di stile scandinavo in sostituzione al teak.

> ESSICCAZIONE
Si può sottoporre tranquillamente al processo di essiccazione da cui si ottengono ottimi risultati. Duro e compatto, si può lavorare con facilità, ottenendo un’ottima lucentezza anche dopo una normale levigatura.

> PESO SPECIFICO
II peso specifico dei segati essiccati all’aria libera varia da 700 a 800 Kg/m³

> USI PARTICOLARI E LAVORAZIONE
II legno viene impiegato per una vasta gamma di oggetti nelle industrie di trasformazione: dai parchetti a mosaico ai lavori di arredamento navale. Grazie alla sua dimostrata resistenza agli agenti atmosferici, viene utilizzato per le costruzioni poste all’esterno.