CASTAGNO

castagno> NOMI BOTANICI
Castanea sativa
Appartiene alla famiglia delle Fagaceae

> NOMI COMMERCIALI
Sweet chestnut, Spanish chestnut – Gran Bretagna
Chàtalgnier – Francia
Castagno – Italia

> AREALE DI CRESCITA
Originario dell’Asia, il castagno cresce ormai da tempo in tutta l’Europa mediterranea, fino all’Inghilterra meridionale. In Italia è reperibile nella zona detta del Castanetum, che si estende dalla fascia montana alpina fino alla Sicilia.

> CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE
L’alburno, stretto e di colore bianco-giallastro, si distingue nettamente dal durame, che, nel legno fresco, è bruno chiaro e tende a scurirsi col passare del tempo. A causa del suo aspetto può ingannevolmente somigliare alla quercia, ma non presenta le caratteristiche specchiature. A tessitura grossolana, con fibratura diritta, questo albero è longevo e raggiunge dimensioni notevoli. Tuttavia in seguito  agli innesti e alle potature che ne agevolano la produzione dei frutti, difficilmente è possibile trovare degli alberi con crescita e conseguente sviluppo della parte legnosa regolare. Normalmente i vecchi tronchi sono notevolmente deteriorati alla base o talvolta addirittura cavi. Il durame si presenta durevole e resistente agli attacchi di funghi ed insetti ed anche al fuoco.

> PESO SPECIFICO
Essiccato all’aria il suo peso specifico medio è di 600 Kg/m³.

> ESSICCAZIONE
Essendo estremamente  predisposto alla fessurazione alla deformazione e persino al collasso, l’essiccazione avviene lentamente

> USI PRINCIPALI E LAVORAZIONE
Normalmente coltivato per i suoi frutti, il castagno fornisce pure un ottimo legno di facile lavorazione. Grazie alla sua resistenza alle intemperie, viene spesso impiegato per costruzioni all’aperto. I polloni trovano impiego come palerie. Viene utilizzato per listoni da pavimenti, mobili rustici, travature, traversine ferroviarie, doghe, serramenti ed è possibile anche ricavarne delle impiallacciature decorative. II legno è particolarmente ricco di tannino, quindi viene spesso utilizzato per la concia delle pelli.

> AVVERTENZE
Vi sono altre varietà di castagno dalle caratteristiche affini a quello europeo: il C. americano (C. dentata, C. puntila), il C. giapponese (C. crenata). Non va invece confuso con l’ippocastano (genere Aesculus famiglia delle Hippocastanaceae) da cui si ricava un legno dalle caratteristiche decisamente differenti.

<< ESSENZE