CITRONNIER

citronnier> NOMI BOTANICI
Chloroxylon swietenia
Appartiene alla famiglia delle Rutaceae

> NOMI COMMERCIALI
Citrino indiano, Citronnier – Italia
Citronnier de Ceylon – Francia
Ceylon satinwood – Gran Bretagna

> NOMI ALL’ORIGINE
Burutu – Ceylon
Bhera, Halda, Sali, Sengel, Vummaray – India

> AREALE DI CRESCITA
L’albero cresce nell’isola di Ceylon e nelle Indie orientali.

> CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE
L’albero è di medie dimensioni infatti può raggiungere 18 metri di altezza con diametri da 60 a 90 centimetri. L’alburno, poco differenziato dal durame, è caratterizzato da tonalità chiare, mentre il legno vero e proprio presenta una co­lorazione bruno-dorata con sfumature chiare che distinguono e caratterizzano questo tipo di materiale. II legno, con una tessitura fine e fibratura ondulata, è in  genere  duro,  pesante  e compatto.

> PESO SPECIFICO
Ad un contenuto di umidità del 12% il Citronnier ha un peso specifico variabile attorno ai 900 Kg/m³.

> ESSICCAZIONE
A causa della sua tendenza a fessurarsi o deformarsi, l’essiccazione artificiale deve avvenire lentamente.

> USI PRINCIPALI E LAVORAZIONE
La sua lavorazione avviene senza particolari difficoltà utilizzando tutti gli strumenti o macchinari dell’industria del legno. Essendo di bell’aspetto, il Citronnier è particolarmente impiegato per la realizzazione di mobili. Il processo di levigatura può creare come unico inconveniente delle polveri irritanti per le mucose degli operai addetti a tale lavorazione. II Citronnier viene utilizzato ampiamente in falegnameria pesante e leggera, per arredamenti e rivestimenti di pareti interne. Un tempo particolarmente di moda e ricercato dalle industrie del mobile, oltre che dalle trancerie e dalle fabbriche di compensato controplaccato, è ormai difficilmente reperibile e di conseguenza assai pregiato.

<< ESSENZE