PINO SILVESTRE

pino_silvestre> NOMI BOTANICI
Pinus sylvestris
Appartiene alla famiglia delle Pinaceae

> NOMI COMMERCIALI
Fin sylyestre – Francia
Scots pine, redwood – Gran Bretagna
Pino di Svezia, pino silvestre – Italia

> AREALE DI CRESCITA
II pino silvestre cresce in tutta Europa, particolarmente nelle zone settentrionali ed orientali. In Italia è reperibile sulle Alpi, soprattutto nel Trentino Alto Adige e sull’Appennino settentrionale, sia in boschi puri, sia misti con altre conifere e con il faggio (zone del Fagetum e del Picetum).

> CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE
L’alburno è bianco-rosato, a differenza del durame che è giallastro tendente al bruno-rosato. È un legno ricco di resina ed i canali resiniferi sono visibili e molto più appariscenti rispetto alle altre specie. A tessitura media, con fibratura diritta, questo legno è facile preda di attacchi di funghi cromogeni che provocano rapidamente delle alterazioni di colore (il cosiddetto azzurramento). È anche soggetto agli attacchi di un particolare coleottero, chiamato Capricorno delle case, che produce danni notevoli anche in materiale già posto in opera, scavando gallerie e riducendo ovviamente la resistenza al carico di travi.

> PESO SPECIFICO
Stagionato all’aria, il suo peso specifico può essere fissato in media sui 600 Kg/m³.

> ESSICCAZIONE
Il processo di essiccazione avviene senza problemi e velocemente.

> USI PRINCIPALI E LAVORAZIONE
È un legno molto diffuso che si lavora facilmente, anche se l’alto contenuto resinoso può talvolta causare qualche problema. Colle, lacche e vernici si applicano con agilità.
Viene utilizzato per una vasta gamma di impieghi per la carpenteria interna ed esterna: da serramenti di porte e finestre, a listoni per pavimenti, mobili rustici, traversine ferroviarie, imballaggi. Se ne ricava anche pasta da legno.

> AVVERTENZE
La specie Pinus comprende un’estesa gamma di esemplari appartenenti a tipologie provenienti da varie zone di tutto il mondo che presentano una struttura ed un utilizzo abbastanza simile al Pinus sylvestris. Il Pinus sylvestris è ampiamente diffuso per la sua facile lavorabilità e per la vasta area occupata dalle sue piantagioni. È da sottolineare che spesso le differenziazioni botaniche sono molto meno sensibili delle differenziazioni dovute all’area di  provenienza o alle condizioni climatiche o geografiche in cui la pianta è cresciuta, per cui il nome botanico da solo può non costituire sempre una garanzia di qualità costante.